Quando la conflittualità post-separativa origina alienazione genitoriale

Ottobre 2018 di Cristina Piazza e Beatrice Chittolini. Il rifiuto di incontrare un genitore da parte di un figlio è un fenomeno che si ritrova spesso in situazioni di conflittualità post-separativa. Tale fenomeno è stato definito da Gardner nel 1984 come Sindrome di Alienazione Parentale o PAS (Parental Alienation Syndrome) e a tutt’oggi rimane oggetto di studio, dibattito e ricerca: la sindrome non è infatti riconosciuta come un disturbo psicopatologico dalla maggioranza della comunità scientifica e giuridica. Studi recenti e accreditati che hanno posto l’accento sulla complessità dei legami familiari hanno evidenziato come questa controversa dinamica psicologica disfunzionale sia da attribuire non più ad una patologia del minore da “curare” ma ad un disturbo della relazione (della triade madre-padre-figlio)… Scarica l’articolo completo

Continua a leggere…

Chiamami col tuo Nome: un dialogo sui sentimenti.

di Luisa Seletti, pediatra e psicoterapeuta.   Il cinema può offrire spunti per far riflettere genitori e ragazzi sui temi dell’affettività e della sessualità, attraverso modelli che rappresentano un antidoto alla violenza. In questo periodo in cui la cronaca mette in evidenza numerosi episodi di violenza giovanile, molti sono chiamati a esprimere la propria opinione. Mi è capitato spesso di sentire persone più o meno esperte che caldeggiano stili educativi più autoritari o addirittura punitivi, come prevenzione. Un giornalista, solitamente persona sensibile, ha scritto di aver interpellato, in seguito a questi fatti di cronaca, un suo compagno che da giovane era un po’ teppista, il quale gli avrebbe detto di essere cambiato dopo aver ricevuto uno schiaffo. Allora penso che sia necessario introdurre un pensiero divergente, ed è il motivo per cui consiglio di andare al cinema a vedere Chiamami col tuo nome, un film di Luca Guadagnino tratto dall’omonimo romanzo di André Aciman. Il film non è direttamente connesso al tema della violenza giovanile, ma offre un modello di genitorialità alternativo rispetto ai luoghi comuni, che attraverso la vicinanza emotiva, attraverso l’educazione sentimentale, permette ai figli di interiorizzare modelli operativi che impediscono l’esercizio della violenza verso l’altro, in qualunque circostanza. È una…

Continua a leggere…